Passo del Felino

Da Le Cronache del Drago Nero.
Versione del 13 gen 2020 alle 21:33 di Staff (Discussione | contributi) (Argomenti correlati)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Facente parte del territorio di Occhio della Fanciulla, esso vige sotto la tutela di Lord Reyne. La regione è completamente montuosa e scarsamente abitata, piccoli villaggi e pascoli sono gli elementi che lo circondano.
La struttura principale del luogo è sicuramente il convento che vi si trova all’interno; fu costruito in tempi ormai remoti e ha ospitato per lungo tempo un ordine di septe dedite alla Madre e gli orfani che esse accolgono.

Suo malgrado è stato teatro recentemente di numerosi eventi di grande interesse.
Nel pieno della crisi dovuta al morbo, nel quarto mese dell’anno 204 AL il convento di Passo Del Felino venne adibito come luogo di rifugio per i nobili delle Terre dei Fiumi in previsione della tempesta che i Maestri hanno annunciato e che si ritiene coincidere con un periodo di forte contagio del morbo della Dama Nera.
Durante quei funesti giorni perfino la Lady protettrice mostrò i sintomi della malattia e dovette essere soccorsa.
Ad ora, durante un tragitto nel territorio, non è difficile imbattersi in delle fosse comuni o tombe scavate in quelle giornate. In un contesto completamente opposto i nobili vi si riunirono nell’undicesimo mese dell’anno 204 AL. Il clima è di giubilo per la visita di Ser Brax e la sua corte.
Tornei, aste e un attacco di briganti caratterizzarono quei giorni. Eventi particolarmente rilevanti furono il festino organizzato dalla corte di lady Manwoody, la condanna a morte dei popolani partecipanti all’orgia ed il teso confronto fra Lady Naerys e Ser Brax.

A seguito di questi eventi il luogo, originariamente ritenuto sacro, è stato abbandonato dalle Septe in attesa che venga nuovamente purificato e torni ad ospitare la luce e la benevolenza degli Dei.

Argomenti correlati